Skip to main content

Cecità

José Saramago / Virgilio Sieni

Teatro Astra

7 > 12 novembre 2023

Prima assoluta

Non si vede solo con gli occhi. Lo spettacolo di Virgilio Sieni, coreografo di fama internazionale, reinventa il romanzo del premio Nobel José Saramago per invitarci a cercare una vista nuova, una rinnovata sensibilità verso gli altri e il mondo che ci circonda.

Aprire gli occhi tutte le volte per vedere di nuovo: liberamente ispirato al grande romanzo di José Saramago, scrittore, poeta e drammaturgo portoghese, premio Nobel per la Letteratura nel 1998, lo spettacolo racconta di un virus sconosciuto capace di rubare la vista alle persone. All’improvviso comunità e individui non vedono più, avvolti in un biancore luminoso che assorbe colori, cose, esseri, rendendoli così doppiamente invisibili. Gli abitanti del mondo, sgomenti, sono completamente vulnerabili. Ma un piccolo gruppo ha un’intuizione, creare un’alleanza per condividere le vie di fuga e trovare risposte alle loro domande.  

A cosa serve vedere? Cecità di Virgilio Sieni è uno spettacolo dove i corpi avanzano con tutta la loro biologia e le emozioni. Gli interpreti cercano gesti nuovi, toccano lo spazio e ne sono toccati, ascoltano tracce e onde sonore che vagano nell’aria. Perché per sopravvivere è necessario elaborare strategie di sopravvivenza ma soprattutto rieducare lo sguardo. Uno sguardo non più malvagio, selvaggio, disperato, perché scavando dentro sé stessi viene alla luce qualcosa di umano come l’amicizia e solidarietà. Nel biancore accecante della scena tutto si svela di nuovo: emerge quello che prima era presente ma nascosto. Si riparte dal corpo, liberando le mani per toccare, per procurarsi cibo e lavarsi, per uccidere e curare i morti. Per abbracciare un cane, accudire il più debole, in una profonda e complice simbiosi tra esistenti, in una comunità. Una comunità di umani che si riscopre natura, parte di essa, che comprende di essere semplicemente viva. 

 

«Non è solo la voce del sangue a non aver bisogno d’occhi, anche l’amore, che dicono sia cieco, ha da dire la sua.»

«Lottare è sempre stata, più o meno, una forma di cecità.»

José Saramago

chi è il cieco?
Liberamente ispirato al grande romanzo di José Saramago, scrittore, poeta e drammaturgo portoghese, premio Nobel per la letteratura nel 1998, lo spettacolo racconta di un virus sconosciuto capace di rubare la vista alle persone. Tutti, all’improvviso, diventano ciechi. Cecità è una rieducazione alla vista, a un nuovo modo di sentire il mondo. Il cieco non è uno solo, ma un gruppo di persone che, attraverso gesti, tocchi, contatti, sensibilità, acquisisce un modo diverso di sentire e di vedere le cose e gli altri.
cosa non vede o non vuol vedere?
Non si tratta di vedere o non vedere. Si tratta di abituarsi a una nuova condizione attraverso un percorso di iniziazione al gesto, allo spostamento, all’ascolto. Un piccolo gruppo di persone si aggira sul palco, come nomadi alla ricerca di nuove vie di fuga, assecondando il proprio collettivo bisogno di scoperta e conoscenza. È un lento migrare, che dalla condizione di cattività in cui versano, li porta vicino a una vista, nuova, ritrovata attraverso la vicinanza con gli altri.
e perché?
I danzatori esplorano la possibilità, tenue e allo stesso tempo profonda, di scoprire l’origine del movimento del corpo. Si riparte proprio dal corpo, liberando le mani per toccare, per procurarsi cibo e lavarsi, per uccidere, per abbracciare un cane, per accudire il più debole, in una profonda e complice simbiosi tra esistenti. Una comunità di esseri umani riscopre la propria natura e comprende di essere semplicemente viva.

Virgilio Sieni

* Babysitting Lab / scopri il teatro con tpe & trg!
sabato 11 novembre ore 20 / a cura di Isabella Locurcio
Laboratorio per ragazze e ragazzi dagli 8 ai 13 anni che, mentre gli adulti
assistono allo spettacolo del sabato sera, attraverso giochi ed esercizi teatrali
lavorano sull’espressione del sé per dialogare al meglio con gli altri.
Biglietti e abbonamenti acquistabili in cassa al Teatro Astra in via Rosolino
Pilo 6, Torino tel +39 011 5634352 (mar-sab ore 16 > 19)

 

Galleria fotografica


  • Durata
    70 minuti circa

Orari


  • Mar 07 Novembre
    21:00
  • Mer 08 Novembre
    19:00
  • Gio 09 Novembre
    20:00
  • Ven 10 Novembre
    21:00
  • Sab 11 Novembre
    19:00
  • Dom 12 Novembre
    17:00

Crediti


  • liberamente ispirato al romanzo Cecità di

    José Saramago
  • ideazione, coreografia, spazio

    Virgilio Sieni
  • interpreti

    Jari Boldrini, Claudia Caldarano, Maurizio Giunti, Andrea Palumbo, Emanuel Santos, Lisa Mariani
  • musiche originali

    Fabrizio Cammarata
  • luci

    Andrea Narese, Virgilio Sieni
  • costumi

    Silvia Salvaggio
  • maschere

    Chiara Occhini
  • produzione

    Centro Nazionale di Produzione della Danza Virgilio Sieni, TPE – Teatro Piemonte Europa, Teatro Metastasio di Prato